DSCN2032

DSCN2034

DSCN2037

Decoriamo le uova in modo naturale? In effetti è molto semplice … usiamo le bucce delle cipolle rosse e le foglie di ortiche.

Le uova che vedete nelle foto sono di colore beige/marroncino … sono uova di gallina che si trovano al supermercato! Utilizzando le uova bianche (sempre di gallina) potremo ottenere dei colori più vivaci.

Il procedimento è il seguente :

- uova di gallina a temperatura ambiente. Importante : utilizziamo uova provenienti da galline allevate a terra, possibilmente all’aperto e in modo biologico. La nostra scelta farà la differenza sugli allevamenti delle nostre galline, sul loro benessere e quindi sulla qualità del prodotto finale.

-  bucce di cipolla rossa

- foglie di ortica (comprese di steli … se così è più facile raccoglierle)

- foglioline di prezzemolo … ma anche foglie di trifoglio o piccoli fiori come le primule

- spago

- un vecchio collant (pulito … of course)

Posiamo una fogliolina di prezzemolo su un uovo ed avvolgiamolo ben stretto in un pezzo di collant. La trama della calza terrà ferma la fogliolina (che potrà essere di  qualsiasi tipo … anche un fiore o piccole sagome di coniglietti, pulcini, possiamo passare alcuni giri di spago in orizzontale o in verticale, ecc.) e nello stesso tempo consentirà il passaggio dell’acqua colorata. Fermiamo le estremità del collant con un poco di spago. 

In una capace pentola versiamo acqua fino a riempirla a metà. Uniamo le bucce di due o tre cipolle rosse e immergiamo delicatamente alcune uova. Io ho utilizzato la buccia di tre cipolle per 10 uova.  

Accendiamo il fuoco e portiamo a bollore a fuoco moderato (per non incrinare il guscio delle uva).

Cuociamo, a partire dal bollore per 7/8 minuti e togliamo dal fuoco.  

Estraiamo le uova e mettiamole a raffreddare. Togliamo la “fasciatura” di collant e lasciamo asciugare.

Facciamo bollire per alcuni minuti l’acqua con le bucce di cipolle per fare sì che queste cedano maggior colorazione . Togliamo dal fuoco, lasciamo intiepidire e poniamo a lessare altre uova che risulteranno, in questo modo, più colorate.

Per la colorazione con le foglie di ortiche: poniamo alcune manciate di ortiche in una pentola d’acqua. Facciamole bollire alcuni minuti. Togliamo dal fuoco e lasciamo intiepidire. Procediamo quindi alla cottura delle uova come sopra descritto.

Le uova cotte in questo modo assolutamente naturale possono essere usate come decorazione e anche tranquillamente mangiate … magari dopo una gara di “scosett” o scocetto.

Cos’è lo “scosett”?

E’ un gioco che si faceva anni fa la domenica delle Palme o la mattina di Pasqua.

I concorrenti arrivavano con le loro uova sode e si sfidavano cozzando il proprio uovo contro quello dell’avversario. L’uovo che si incrinava veniva “vinto” dall’avversario.

Allora, ai tempi di questa gara, portare a casa un piccolo trofeo di uova era grande soddisfazione. Le uova erano apprezzate e la cena … assicurata.

Le uova che vedete nelle foto sono state preparate per una gara di “scosett” che abbiamo proposto domenica ai bambini di Roteglia. E’ stato un grande successo … i bambini incuriositi hanno partecipato con entusiasmo e grande tifo dei genitori.

Pensate che qualcuno, al termine della gara, ha persino mangiato il suo uovo! 

Sì … può sembrare strano … ma per moltissimi dei nostri bimbi mangiare le uova sode è stata una novità!

Una novità … antica. E’ bello ed importante fare conoscere ai nostri bambini le tradizioni e, anche, il motivo di tali tradizioni.

Non è semplice … ma l’importante è iniziare questo dialogo.