DSCN0327Questi sformatini sono realizzati con le foglie esterne delle verze, quelle più dure che solitamente gettiamo senza pietà.

E’  una ricetta che vi trasmetto in anteprima e farà parte del mio libro di prossima uscita.

 

Bene, procuriamoci

  • 6 foglie di verza, le più esterne e dure, ma anche le più saporite
  • 1 patata bollita e già fredda
  • 100 gr di mortadella in una sola fetta
  • 2 uova
  • 2 manciate  di Parmigiano Reggiano grattugiato
  • olio evo
  • sale
  • pepe
  • noce moscata
  • 4 stampini monoporzione da crèm caramel

Sbollentiamo in acqua bollente salata le foglie della verza per 6 / 7 minuti.

Scoliamole su un canovaccio ed asciughiamole bene. Eliminiamo con un coltellino la costa centrale.

Ungiamo con un goccio d’olio l’interno deegli stampini e rivestiamoli, lati e fondo , con le foglie di verza.

Sbucciamo e  tagliamo a dadini le patate, riduciamo a dadini anche la mortadella.

Sbattiamo le uova in una terrina insieme  al formaggio, uniamo i dadini di patate, i dadini di mortadella, saliamo, profuminamo con poco pepe e noce moscata.

Versiamo il composto negli stampini e riempiamoli, copriamo con eventuali lembidi verza sporgente, la superifice degli stampini.

Inforniamo per 35/40 minuti a 180°.

Una volta pronti estraiamoli dal forno, lasciamoli riposare alcuni minuti per dare tempo al ripieno di compattarsi … e vantaggio alle nostre dita.

Sformiamo su piattini individuali.

Vogliamo proprio fare un figurone ?

Veliamo il fondo del piattino , prima  di posarvi lo sformatino, con una  profumata salsa al pomodoro o una saporita salsa al taleggio.