DSCN1700 DSCN1701 DSCN1703 DSCN1704 DSCN1705 DSCN1708 DSCN1709

Abituata ormai da anni a fare il pane nell’apposita macchina, mi ero quasi scordata del piacevolissimo rituale che riguarda la sua preparazione manuale.

Ecco quindi che oggi, in una giornata che mi sono “auto-dedicata” destinata al relax … ho recuperato i pochi ingredienti che occorrono e … mi sono rilassata.

A dire il vero il rituale è iniziato ieri pomeriggio, quando ho preparato la biga necessaria ad una buona lievitazione, oggi ho impastato, lasciato lievitare, impastato ancora ed infornato.

E in poco tempo la casa era già pervasa dal tipico, meraviglioso profumo del pane in cottura nel forno.

Ed eccole lì, le mie due belle ( … insomma, sulle forme posso migliorare) e fragranti pagnotte.

Giusto per un assaggio, per capire se erano venute bene, io e mio marito le abbiamo abbinate a qualche scheggia di Parmigiano Reggiano e ad un goccio di lambrusco … peccato non possedere un forno a legna!

La preparazione del pane è veramente molto semplice, occorrono pochissimi ingredienti e molto tempo (che pare essere un ingrediente molto raro) e magari, un buon libro che ci terrà compagnia tra un passaggio e l’altro.

Iniziamo ?

per la biga :

1/2   kg di farina bianca 0

240  ml di acqua tiepida (più un goccio … di scorta)

    10  gr di lievito di birra fresco

          olio di oliva

Poniamo la farina in una ciotola e versiamo l’acqua tiepida in cui avremo fatto sciogliere il lievito sbriciolato. Mescoliamo con cura ed impastiamo velocemente.

Ungiamo il panetto ottenuto con l’olio, posiamolo in una terrina e copriamolo con un canovaccio umido. Riponiamolo in un luogo tiepido e lontano da correnti d’aria.

Lasciamolo riposare dalle 16 alle 24 ore … insomma, scordiamocelo fino al giorno dopo.

 

Per la pasta

1     kg di farina 0

1/2 kg di biga

30 gr di lievito di birra

25/30 gr di sale

450 gr circa di acqua tiepida

Formiamo sulla spianatoia la classica fontana.

Spargiamo sui bordi esterna il sale.

Nel foro centrale che andremo a formare verseremo il lievito sciolto in poca acqua. Iniziamo a mescolare e ad impastare aggiungendo acqua poca alla volta.

Infine aggiungiamo la biga.

Mescoliamo ancora bene per incorporare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e morbido.

Dividiamolo nelle forme che preferiamo e lasciamole lievitare, coperte da un canovaccio, per 30 minuti.

Riprendiamo il pane, incidiamo la superficie con alcuni tagli, copriamo con una pellicola per alimenti e lasciamo ancora riposare per 30 minuti.

Intanto accendiamo il forno a 200/220 gradi.

Terminata la lievitazione (togliamo la pellicola) ed inforniamo per circa 30 minuti.

Abbassiamo il calore del forno a 180/190 gradi, giriamo il pane e proseguiamo la cottura per altri 15/20 minuti.

La durata della cottura dipenderà naturalmente dalle dimensioni delle forme : più grandi sono e più la cottura dovrà essere prolungata e il calore moderato per impedire che l’esterno possa scurire troppo.

Un’idea può essere quella di inserire nel forno un recipiente di acqua : il vapore formatosi in cottura eviterà alla superficie del pane (in particolare per le grandi pezzature) di seccarsi troppo.

Bene, ora godiamoci il profumo meraviglioso del pane, lasciamolo intiepidire e gustiamolo abbinato a ciò che più ci aggrada ma credetemi … appena sfornato è buono anche da solo. Non per niente si dice … buono come il pane”!

 

Tags: