DSCN3057

Ed è arrivato il 27 Dicembre.

Dopo cene e cenoni, pranzi sontuosi o tradizionali, ci ritroviamo con la cucina piena di … avanzi.

Ed è proprio con un avanzo della cena della Vigilia a base di pesce che ho realizzato il piatto di oggi. Delicatissimi e scenografici paccheri farciti con coda di rospo e gamberetti.

Precisazione : io avevo a disposizione della coda di rospo (già gratinata) ma è un piatto che si può realizzare con qualsiasi piccola quantità di pesce avanzato. E pure la base è stata preparata con quanto avevo già in casa, patate e un porro cucinati insieme e ridotti a crema.

Ma andiamo con ordine.

Avevo a disposizione una piccola quantità di pesce avanzato, già gratinato e quindi aromatizzato.

Ho raccolto in una ciotola :

- 150 grammi circa di polpa di coda di rospo già cotta e l’ho ben sminuzzata

Ho sbucciato e tagliato a pezzetti due patate medie, ho eliminato le foglie esterne di un porro (le ho tenute da parte) e l’ho tritato in modo grossolano.

In una casseruola ho scaldato un goccio d’olio e ho fatto rosolare porri e patate. Ho salato leggermente e coperto d’acqua calda (non avevo a disposizione brodo vegetale). Ho portato a cottura e poi passato tutto con il frullatore ad immersione fino a ridurlo in una crema morbida.

Ho lessato in acqua bollente salata dei paccheri (ne ho calcolati tre a testa), una volta cotti al dente li ho scolati e conditi con un filo d’olio per non farli attaccare tra loro.

Nella stessa acqua dove ho lessato la pasta ho scottato le foglie esterne dei porri (ben lavate) e le ho stese su un canovaccio ad asciugare. Utilizzando sempre la stessa acqua ( … triplo risparmio di acqua ed energia) ho lessato due patate.

Una volta cotte le patate le ho sbucciate e schiacciate nella ciotola del pesce, ho aggiunto un cucchiaio di Parmigiano Reggiano grattugiato.

A piacere è possibile profumare con buccia di limone grattugiata o noce moscata grattugiata al momento.

Ho riempito i paccheri con la crema di pesce e patate decorando alcuni paccheri con gamberi (sempre già cotti e avanzati).

Ho ritagliato dalle foglie dei porri dei nastrini e li ho usati per legare i paccheri in mazzetti da tre. Li ho posti in una pirofila leggermente unta d’olio e li ho infornati per 10 minuti.

Ho posto sul fondo di ciascun piatto due cucchiai di crema di porri e patate e sopra vi ho posato i “mazzetti” di paccheri gratinati.

Per dare un sapore più deciso, ho aromatizzato una parte di crema di porri e patate con un cucchiaio di paprica in polvere e ho decorato il piatto con bacche di pepe rosa.

Ho così servito i miei “avanzi”  trasformati in piatti … eleganti in due versioni di sapore utilizzando esclusivamente ciò che avevo in casa.

Avanzo a chi ???