… o anche la terza o quadrupla vita ….

La vellutata di zucca è una crema deliziosa che possiamo interpretare in molti modi.

La versione “base” è veramente molto semplice.

Ci occorrono :

  • 500 gr di zucca già pulita
  • uno scalogno o una piccola cipolla
  • 1 litro circa di brodo vegetale
  • 2 dl di panna fresca
  • 4 cuchiai di olio evo
  • sale
  • pepe

Iniziamo sbucciando e tagliando a fettine lo scalogno. Poniamolo in una casseruola a rosolare a fuoco dolce insieme all’olio.

Uniamo la zucca che avremo tagliato a tocchetti, lasciamola insaporire alcuni minuti e poi aggiungendo circa 600 ml di brodo lasciamo cuocere sempre a fuoco basso, fino a quando la zucca non sarà diventata morbidissima.

A questo punto frulliamo il tutto ( se necessario passiamo il composto attraverso un colino per eliminare eventuali pezzetti rimasti) ed uniamo la panna fresca. Saliamo e, se piace, profumiamo con un poco di pepe.

Lasciamo cuocere ancora un poco il composto  e poi ….. scateniamo la nostra fantasia.

- La vellutata è già ottima così accompagnata da qualche crostino di pane tostato

- Più raffinata la versione che la vede come base a delle mazzancolle (o gamberoni) puliti dal carapace, avvolti in una fettina di lardo di Colonnata e fatti saltare velocemente in padella. Adagiamo le mazzancolle sulla crema di zucca calda, decoriamo con rosmarino (che riprende il profumo del lardo) , qualche goccia di panna acida che crea un contrasto delizioso e serviamo caldo.  La panna acida è facoltativa, naturalmente.

- Un’altra versione ancora più golosa vede la nostra crema di zucca acquistare  carattere accompagnata a delle mazzancolle ( o gamberoni ) privati di testa e carapace, passate in una semplice  pastella e fritte.  Io servo questo piatto come antipasto.

- Per una minestra un poco più rustica, sostituamo metà ( o solo una parte ) della zucca con patate tagliate a tocchetti. In questo caso possiamo omettere la panna fresca.

…. bene … e adesso quale versione scegliamo ?