DSCN0744DSCN0750DSCN0761

 

Con l’arrivo della bella frutta di stagione, è il momento di approfittarne e di preparare saporite confetture.

Una delle più amate è la confettura di ciliegie, semplicissima da preparare.

Richiede solo un poco di pazienza nello snocciolare le ciliegie.

 

Utilizziamo :

  • 1,3 kg di ciliegie (una volta snocciolate ne resterà 1 kg)
  • 300 gr di zucchero
  • 1 limone non trattato
  • 1 baccello di vaniglia 

 

Laviamo con molta cura le ciliegie. Asciughiamole con un canovaccio pulito e togliamo i piccioli e i noccioli.

Raccogliamole in una ciotola, uniamo lo zucchero, il succo del limone e la buccia (solo la parte gialla). Infine aggiungiamo la bacca di vaniglia incisa a metà con un coltellino.

Poniamo in frigorifero a riposare per alcune ore.

Trascorse circa 6 ore, riprendiamo la ciotola con le ciliegie, eliminiamo la buccia del limone e versiamo il contenuto in una pentola di acciaio dal fondo spesso.

Cuociamo a fuoco dolce per circa un’ora, mescolando di tanto in tanto e schiumando nei primi minuti con una schiumarola.

Mentre le ciliegie riposano in frigorifero occupiamoci dei vasetti. Dopo averli ben lavati immergiamoli in una pentola contenente abbondante acqua in modo che ne siano completamente immersi. Portiamo a bollore (moderato) per 15 minuti. Estraiamo vasetti e coperchi bollenti (aiutandoci con delle pinze o con due forchette) e poniamoli a scolare e raffreddare su un canovaccio pulitissimo.

Nel frattempo la nostra confettura sarà pronta. Per verificare la corretta densità versiamone un cucchiaino su un piattino ed incliniamolo. Se la confettura scivola lentamente è pronta. Se fosse troppo liquida rimettiamola sul fuoco alcuni minuti.

Invasiamola ancora bollente nei vasetti ormai asciutti, chiudiamo con il coperchio, e rovesciamo il vasetto a “testa in giù” fino a quando la confettura non sarà completamente raffreddata. Etichettiamo il vasetto con la data di confezionamento e riponiamolo in luogo lontano da luce ed umidità.

La confettura sarà ottima gustata sul pane, su un gelato (magari facendola leggermente intiepidire) , per decorare dolci e biscotti.   

 

 

  •